Simposio non è un festival! È un’iniziativa senza scopo di lucro che richiede partecipazione: non esistono spettatori.

Alloggio

Vivere in comune implica condividere capanne di legno per dormire, bagni e una mensa. Il pernottamento avviene nel campeggio progettato da Edoardo Gellner composto da 40 capanne da 4 posti (capienza complessiva 160 persone). Sarà possibile prenotare un posto singolo in capanna condivisa o
l’intera capanna. Su richiesta possiamo fornire le lenzuola ma è comunque preferibile venire attrezzati con sacchi a pelo.

Logistica

E’ possibile raggiungere Borca di Cadore con il servizio bus Cortina Express / Flixbus che collega le principali città e stazioni ferroviarie (Venezia, Treviso, Bologna, Milano, Bergamo, Verona, Firenze) . L’ organizzazione provvederà ai trasporti interni tra il campeggio e la colonia.
Se non si è intenzionati ad affrontare passeggiate in montagna per spostarsi all’interno del villaggio è consigliato essere automuniti.

Spicci

Presso gli uffici (e altri punti) sarà possibile effettuare il cambio da euro in Spicci, unica moneta attiva nel villaggio
per effettuare scambi e acquisti.

Montagna

La montagna è la montagna, anche a luglio. Preparatevi con adeguate calzature, abbigliamento e accessori, ad esempio una torcia e una borraccia. La meraviglia di vivere nella natura del bosco lo richiede.

Mensa

Il campeggio è dotato di una grande mensa che offrirà la colazione e la cena.

Contenuti

Simposio è aperto a qualunque pensiero ad eccezione della violenza, la discriminazione, l’odio.
Ogni partecipante parteciperà almeno a un laboratorio giornaliero.

Autogestione

Simposio è aperto a proposte di attività: sarà possibile organizzare laboratori di varia natura da inserire nei tre giorni di simposio, uniche regole: creare un gruppo di almeno 8 persone, stilare un documento di premesse e un documento di sintesi finale.